Infortuni INAIL - monitoraggio al 31.12.2020

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili per migliorare la vostra esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Learn more

I understand
TRATTAMENTO DATI PERSONALI   GDPR 679/2016 - – Per quanto concerne il trattamento dei dati personali il sottoscritto dichiara:

  • di conoscere lo Statuto UIL FPL, di accettarlo integralmente e rispettare i singoli articoli in ogni punto.
  • di conoscere le polizze assicurative con le specifiche condizioni, presenti sul sito www.uilfpl.it
  • di aver preso visione della informativa sulla Privacy fornita presente sul sito www.uilfpl.it.
  • di fornire il consenso al trattamento dei dati personali da parte del Sindacato ai sensi dell’ex art 13 D.Lgs n.196/2003 e del GDPR 679/2016 per il conseguimento e la realizzazione delle attività istituzionali ai fini degli adempimenti degli obblighi contrattuali, assicurativi, legali e fiscali di cui alle norme in vigore.
  • di concedere il consenso all’uso dei dati personali al sindacato ai sensi dell’ex art 13 D.Lgs n.196/2003 e del GDPR 679/2016 per la realizzazione di iniziative di profilazione e di comunicazione diretta (tramite mail, messaggistica, posta ordinaria, newsletter, ecc.) per il conseguimento e la realizzazione delle finalità istituzionali del Sindacato.
Tuesday, 26 January 2021 16:00

Infortuni INAIL - monitoraggio al 31.12.2020

I contagi sul lavoro da Covid-19 denunciati all’Inail alla data dello scorso 31 dicembre dimostrano ancora una volta che il settore della sanità e socio- sanitario – (che comprende ospedali, case di cura e di riposo, istituti, cliniche e policlinici universitari, residenze per anziani e disabili) – pagano il prezzo più alto. Infatti, l’Inail rileva il 68,8% delle denunce di infortuni e il 25,2% dei decessi codificati. Subito dopo troviamo l’amministrazione pubblica (attività degli organismi preposti alla sanità – Asl – e amministratori regionali, provinciali e comunali), in cui ricadono il 9,1% delle infezioni denunciate e il 10,7% dei decessi.

 

A dimostrazione delle nostre rivendicazioni in merito alla gestione dell’emergenza sanitaria e delle relative misure attuative e di contrasto, sono ancora gli operatori sanitari e i lavoratori pubblici coloro che sono stati e lo sono tutt’ora esposti a contagio da Covid-19.

 

L’analisi degli infortuni evidenzia la categoria dei “tecnici della salute” come quella più coinvolta da contagi con il 38,7% delle denunce (in tre casi su quattro sono donne), l’82,2% delle quali relative a infermieri, e il 10,0% dei casi mortali codificati. Seguono gli operatori socio-sanitari con il 19,2% delle denunce (l’80,9% sono donne), i medici con il 9,2% (il 48,0% sono donne), gli operatori socio-assistenziali con il 7,4% (l’85,1% donne) e il personale non qualificato nei servizi sanitari (ausiliario, portantino, barelliere) con il 4,7% (tre su quattro sono donne). Il restante personale coinvolto riguarda, tra le prime categorie professionali, impiegati amministrativi (4,1%, di cui il 68,9% donne), addetti ai servizi di pulizia (2,3%, il 78,3% donne), conduttori di veicoli (1,2%, con una preponderanza di contagi maschili pari al 91,9%) e direttori e dirigenti amministrativi e sanitari (0,9%, di cui il 45,8% donne).

Le province con il maggior numero di contagi da inizio pandemia sono Milano (11,1%), Torino (7,5%), Roma (4,5%), Napoli (3,8%), Brescia e Varese (2,8%), Genova e Verona (2,6%), Bergamo, Cuneo e Monza e Brianza (2,1%). Per quanto riguarda le Province di nostra competenza, Como registra 1,5% e Lecco 0,6% dei contagi.

Fino al termine dell’emergenza proseguiremo con le nostre rivendicazioni di incremento delle misure di prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro a tutela delle lavoratrici e dei lavoratori esposti in prima linea da marzo 2020 ad oggi.

Siamo convinti che solo con la piena attuazione del piano vaccinale si possano creare i presupposti per uscire dall’emergenza e tornare alla tanto desiderata “normalità” e, per questa ragione, non bisogna perdere ulteriore tempo, altrimenti il rischio sarà quello di rincorrere il virus senza realmente riuscirne a bloccare gli effetti sulla popolazione.

       Il Segretario Generale della UIL FPL del Lario

                   Vincenzo Falanga

scarica tabella e comunicato

Media

+39 031.273295
lario@uilfpl.it
Via Torriani n. 27 - 2100 - Como
Close