Ordinanza n. 690 del 31.7.2020 - Dipartimento della Protezione civile

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili per migliorare la vostra esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Learn more

I understand
TRATTAMENTO DATI PERSONALI   GDPR 679/2016 - – Per quanto concerne il trattamento dei dati personali il sottoscritto dichiara:

  • di conoscere lo Statuto UIL FPL, di accettarlo integralmente e rispettare i singoli articoli in ogni punto.
  • di conoscere le polizze assicurative con le specifiche condizioni, presenti sul sito www.uilfpl.it
  • di aver preso visione della informativa sulla Privacy fornita presente sul sito www.uilfpl.it.
  • di fornire il consenso al trattamento dei dati personali da parte del Sindacato ai sensi dell’ex art 13 D.Lgs n.196/2003 e del GDPR 679/2016 per il conseguimento e la realizzazione delle attività istituzionali ai fini degli adempimenti degli obblighi contrattuali, assicurativi, legali e fiscali di cui alle norme in vigore.
  • di concedere il consenso all’uso dei dati personali al sindacato ai sensi dell’ex art 13 D.Lgs n.196/2003 e del GDPR 679/2016 per la realizzazione di iniziative di profilazione e di comunicazione diretta (tramite mail, messaggistica, posta ordinaria, newsletter, ecc.) per il conseguimento e la realizzazione delle finalità istituzionali del Sindacato.
Monday, 14 September 2020 15:43

Ordinanza n. 690 del 31.7.2020 - Dipartimento della Protezione civile

Ordinanza dipartimento protezione civile n. 690 del 31.7.2020

Ulteriori interventi urgenti di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario

SCARICA IL FILE COMPLETO


In ragione della disposizione del Dipartimento della Protezione civile, in oggetto citata, vi specifichiamo quanto previsto per il personale degli Enti Locali.

L’ordinanza prevede che Province e Regioni operino una ricognizione delle prestazioni di lavoro straordinario prestate dal personale non dirigenziale in servizio presso le Direzioni e le Agenzie di protezione civile delle Regioni e Province direttamente impegnato nelle attività connesse all’emergenza.

Detta ricognizione è effettuata sulla base delle prestazioni di lavoro straordinario effettivamente rese, oltre i limiti previsti dai rispettivi ordinamenti, dal predetto personale non dirigenziale, per il periodo dal 31 gennaio al 31 luglio 2020. I medesimi Soggetti attuatori provvedono al relativo ristoro, entro il limite mensile massimo di 50 ore pro-capite.


Ai titolari di incarichi dirigenziali, di posizione organizzativa ed al personale che già percepisce indennità omnicomprensive in servizio presso le Direzioni e le Agenzie di protezione civile delle Regioni e Province direttamente impegnati nelle attività connesse all’emergenza, ove il Soggetto attuatore riconosca la migliore condizione applicabile, è riconosciuta, per il periodo dal 31 gennaio al 31 luglio 2020, una indennità mensile pari al 30% della retribuzione mensile di posizione e/o di rischio prevista dai rispettivi ordinamenti, ovvero pari al 15% della retribuzione mensile complessiva ove i contratti di riferimento non contemplino la retribuzione di posizione, commisurata ai giorni di effettivo impiego, per il periodo sopra indicato, in deroga alla contrattazione collettiva di comparto.

Al personale titolare di posizione organizzativa o percettore di indennità omnicomprensiva è possibile riconoscere in alternativa una delle due misure la cui verifica della miglior condizione applicabile è effettuata dall’Ente.

Le disposizioni di cui sopra si applicano anche al personale di protezione civile degli Enti Province impegnato nelle attività connesse all’emergenza e individuato dalle Regioni. 

C.O.C. - I Comuni presso cui è stato attivato il Centro operativo comunale al fine di fronteggiare l’emergenza in rassegna sono autorizzati a riconoscere in favore del personale non dirigenziale dei servizi di protezione civile, direttamente impegnato nelle attività connesse all’emergenza, prestazioni di lavoro straordinario effettivamente rese, oltre i limiti previsti dai rispettivi ordinamenti, nel limite di 50 ore pro-capite, per il periodo dal 31 gennaio al 31 luglio 2020.
I Comuni presso cui è stato attivato il Centro operativo comunale al fine di fronteggiare l’emergenza in rassegna sono autorizzati a riconoscere in favore dei titolari di incarichi dirigenziali, di posizione organizzativa ed al personale che già percepisce indennità omnicomprensive in servizio presso i servizi di protezione civile, direttamente impegnati nelle attività connesse all’emergenza, una indennità mensile pari al 30% della retribuzione mensile di posizione e/o di rischio prevista dai rispettivi ordinamenti, ovvero pari al 15% della retribuzione mensile complessiva ove i contratti di riferimento non contemplino la retribuzione di posizione, commisurata ai giorni di effettivo impiego, per il periodo dal 31 gennaio al 31 luglio 2020, in deroga alla contrattazione collettiva di comparto.

Gli oneri aggiuntivi sono posti a carico delle risorse stanziate per l’emergenza, che verranno assegnate ai Soggetti attuatori Presidenti di Regione o di Provincia.
Le disposizioni di cui alla presente ordinanza si applicano in deroga ai limiti previsti dall’articolo 23, comma 2, del decreto legislativo 25 luglio 2017, n. 75 e dai rispettivi Contratti collettivi nazionali di lavoro.

Considerato che le misure contenute nella circolare sono di carattere eccezionale e straordinario, si auspica di aver fornito a tutti i nostri Delegati ed RSU uno strumento consapevole e di conoscenza per la gestione delle diverse dinamiche di contrattazione.

Fraterni Saluti.

Milano, 14 settembre 2020

Il Segretario Responsabile Enti Locali

UIL FPL Lombardia

Vincenzo Falanga

Contatti

Vincenzo Falanga

Cell. 320.8160615

e- mail : This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 

+39 031.273295
lario@uilfpl.it
Via Torriani n. 27 - 2100 - Como
Close