Venerdì, 02 Agosto 2019 22:33

Clamoroso a Campione d’Italia il TAR del Lazio accoglie la sospensiva per motivi aggiuntivi - ancora una volta avevamo visto giusto!

 

Per quanto riguarda i motivi aggiunti presentati il 2\8\2019, in ragione dell’esito negativo del confronto con le OO.SS. in data 26 Luglio ed a fronte dei provvedimenti susseguenti del Commissario è stato presentato apposito ricorso per motivi aggiuntivi :

della deliberazione del Commissario Prefettizio del Comune di Campione d'Italia n. 43 del 16.07.2019; della nota del Comune di Campione d'Italia prot. 4985 del 18.07.2019, ivi compresi i criteri in allegato; della deliberazione del Commissario Prefettizio del Comune di Campione d'Italia n. 49 del 31.07.2019;

della deliberazione del Commissario Prefettizio del Comune di Campione d'Italia n. 50 del 31.07.2019; del provvedimento con cui la Commissione per la stabilità finanziaria degli Enti Locali (COSFEL) nella seduta del 30.07.2019 ha approvato la rideterminazione della dotazione organica del Comune di Campione d'Italia, prevista con le deliberazioni della Giunta comunale n. 64/2018 e del Commissario Prefettizio n. 43/2019, richiamato nella deliberazione del Commissario prefettizio n. 49/2019 e non conosciuto;

ove occorra, del verbale dell'incontro tra i rappresentanti dell'Amministrazione, le OO.SS. e le R.S.U. del Comune, svolto in Prefettura in data 26.07.2019, nella parte relativa alle affermazioni rese dall'Amministrazione in replica alle richieste avanzate dalle OO.SS. e dalle R.S.U; di ogni atto ai suddetti presupposto, connesso e consequenziale.

Visti il ricorso, i motivi aggiunti e i relativi allegati;

Vista l'istanza di misure cautelari monocratiche proposta dalla parte ricorrente, ai sensi dell'art. 56 cod. proc. amm.;

Rilevato che la natura degli atti impugnati e i prospettati elementi di periculum giustificano ragionevolmente l’adozione di una misura cautelare che consenta di pervenire alla decisione collegiale re adhuc integra. P.Q.M. Accoglie l’istanza.

Fissa per la trattazione collegiale la camera di consiglio del 9 settembre 2019. Il presente decreto sarà eseguito dall'Amministrazione ed è depositato presso la Segreteria del Tribunale che provvederà a darne comunicazione alle parti. Così deciso in Roma il giorno 2 agosto 2019.

Ancora una volta su Campione d’Italia i procedimenti attuati vengono smentiti nei tavoli della magistratura.

In questa ottica avevamo chiesto al Commissario Prefettizio di andare con cautela seguendo un percorso condiviso, magari fruendo di qualche giorno in più ma evitando di incorrere in errore.

Non siamo stati ascoltati,purtroppo (o per fortuna).

A questo punto valutiamo le azioni da intraprendere ben sapendo che quando si parla di Campione, nulla è scontato e nulla può essere vagliato in maniera superficiale anzi, occorrono quegli accorgimenti peculiari per la situazione emergenziale, drammatica e unica all’interno del nostro Paese.

Scarica la pronuncia del TAR del Lazio

 

Last modified on Venerdì, 02 Agosto 2019 22:51