PROGETTI OPES FORMAZIONE - FORMAZIONE UNIVERSITARIA 2019_2020

Luglio 29, 2019

O.P.E.S. Formazione è una associazione senza scopo di lucro, che svolge la sua attività nell’amb...

ASSICURAZIONI UIL FPL 2019

Aprile 11, 2019

Vi informiamo che in allegato trovate, le SLIDE create da AON inerenti i prodotti assicurativi : Rc ...

ALTRE CONVENZIONI SUL SITO UIL DEL LARIO

Aprile 08, 2019

  SUL SITO DELLA UIL DEL LARIO SONO DISPONIBILI LE CONVENZIONI ELABORATE DALLA UIL CONFEDERALE ...

Convenzione Studio Legale

Marzo 26, 2019

  Al fine di supportare i nostri associati anche in tematiche diverse dai contesti lavorativi, ...

Tariffe per gli iscritti UIL FPL del Lario - 730/2019

Marzo 11, 2019

Anche per quest'anno vengono garantite pratiche gratuite e agevolate per i nostri associati al momen...

CONVENZIONE - DOTT. S. Barca - Pediatra

Novembre 30, 2018

CONVENZIONE TRA Il sindacato U.I.L. F.P.L.  del Lario , con sede in Como, via Torriani n. 27/29...

Banco di Desio e della Brianza - Convenzione per i nostri associati

Novembre 27, 2018

Vedi i contenuti della convenzione :   Cessione del quinto offerte su conti correnti Rinegoziaz...

Convenzione 2018/19 con Piscina Olimpica di Como Centro FIN

Settembre 05, 2018

Per la stagione 2018/19 siamo lieti di informarvi che è rinnovata la convenzione con la Piscina Oli...

Bluwater

Aprile 12, 2018

Vincenzo

Vincenzo

13 Dic 2018

 

Siamo soddisfatti della pre intesa sottoscritta che contiene tra i punti l'avvio del percorso delle progressioni economiche orizzontali e individua per la polizia locale del Comune di Como l'indennità di servizio esterno più alta di tutta la provincia di Como, proprio per valorizzare l'attività e il lavoro svolto dal comparto.

 

Scarica intesa e comunicato stampa Scarica intesa e comunicato stampa 

Da giovedì 20 dicembre partirà il tour delle assemblee per la presentazione del contratto al personale coinvolto.

 

Un plauso al lavoro svolto dall'intera RSU del Comune di Como.

 

Saluti

 

Vincenzo Falanga

SEGRETARIO GENERALE UIL FPL del Lario (Como –Lecco)

Via Torriani n. 27 – 22100 Como

12 Dic 2018

Il Comune di Mariano Comense è il primo comune di medie dimensioni della nostra Provincia che recepisce nel proprio contratto decentrato di secondo livello i contenuti del rinnovo contrattuale degli Enti Locali.

Complimenti a tutto il gruppo di lavoro, delegazione di parte pubblica compresa.

 

Scarica il CCDI

 

 

04 Dic 2018

Como, 3 Dicembre 2018

LETTERA APERTA

Al prossimo

Segretario Generale

del Comune di Como

 

Oggetto: dicono che “il Comune di Como non funzioni più” …..

Egregio prossimo Segretario Generale del Comune di Como,

abbiamo atteso qualche giorno prima di lasciarci andare a qualche considerazione dovute dalle notizie apparse a mezzo stampa lo scorso 2 dicembre e pertanto con questa breve nota, desideriamo rappresentarLe le nostre considerazioni sul come poter migliorare le condizioni del nostro maltrattatissimo Comune di Como.

Vogliamo rappresentarLe, forse la realtà meno importante ma probabilmente più semplice da poter riportare direttamente, una realtà quella sindacale che da sempre si è assunta con responsabilità il peso di affrontare tutte le questioni che hanno interessato il personale e le ricadute delle mancate scelte delle diverse Amministrazioni di questo Comune.

Abbiamo fin dal mandato Lucini (ma anche prima non ci siamo sottratti), chiesto ai diversi Segretari Comunali la necessità di intervenire concretamente sulla gestione delle politiche del personale poiché le scure di questi anni hanno portato ad una drastica riduzione dei dipendenti in tutti i servizi dell’Ente con evidenti difficoltà nell’erogazione delle attività e dei servizi comunali.

Abbiamo a questo proposito chiesto di intervenire su quei settori più esposti all’impatto mediatico e con l’utenza come ad es.. la Polizia Locale, il Servizio di Refezione Scolastica, i Servizi Demografici, i Servizi Cimiteriali, le attività Educative e di Assistenza Sociale, tutti ambiti interessati in questi anni da episodi di diversa entità e volte anche con gravità.

Per il senso di responsabilità che ha contraddistinto la delegazione sindacale, ci siamo sottoposti ad interminabili tavoli “tecnici” dove ogni volta si ripartiva dalla radice del singolo problema senza mai abbozzare concretamente a delle soluzioni anche minimali.

La nostra sensazione è stata quella che, tra le diverse sfaccettature, peculiarità e diversità del Comune di Como, sia mancato il “collante” tra tutti coloro che sono deputati ad assumere le decisioni finali. Dobbiamo ammettere che nell’ultimo periodo è mancato un coordinamento tecnico – giuridico, alla cui latenza ha cercato di sopperire, l’Assessora al Personale, la quale anche in più di una occasione si è assunta responsabilità operative al di là del proprio ruolo.

In questa fase storica che sta attraversando il nostro Ente, siamo consapevoli che ci sia molto lavoro “arretrato” dovuto ad una molteplicità di fattori che non possiamo ricondurre alla sola “paura” di assumersi responsabilità, 10 anni di blocco totale delle assunzioni aggiunto alle scelte personali di cambiare ambiente lavorativo in conseguenza delle vicende giudiziarie, sono a nostro avviso ulteriori fattori di valutazione rispetto a quanto dichiarato dal Segretario generale pro-tempore il 2.12.2018.

Siamo convinti che il Comune di Como, abbia delle potenzialità importanti da tutti i punti di vista, pertanto, occorre pensare a “rimettere” in moto un motore che sembrava aver riavviato il proprio meccanismo ad inizio di questa legislatura.

Non possiamo più permetterci di affrontare superficialmente i problemi e non possiamo più correre il rischio di restare fermi, perché così facendo danneggiamo il personale e i Cittadini tutti.

La “macchina comunale” ha bisogno di una “guida” che sappia dare il giusto input “motivazionale” ma che sappia indirizzare sul giusto binario i Settori Comunali, cercando di ottimizzare e semplificare l’apparato burocratico, anche allo scopo di ottimizzare i processi lavorativi e le risorse umane impiegate. A tutto ciò è comunque necessario ripristinare un “clima lavorativo” più sereno e che sia capace di “valorizzare” il capitale umano.

Abbiamo tutti bisogno di risposte anche di quelle che magari per noi sono un po’ scomode, ma che siano certe e definitive rispetto alla risoluzione di problematiche.

Se nel corso del Suo operato emergeranno tali attitudini e modalità di gestione crediamo fermamente che la situazione possa migliorare e il motore possa ripartire.

Insomma, dicono che “il Comune di Como non funzioni più” noi siamo convinti che il Comune abbia bisogno “di qualcuno che lo faccia funzionare e che abbia tanto coraggio”.

Con cordialità.

                                                              Scarica la nota

 

                                            Il Segretario Generale della UIL FPL del Lario

                                                                                                                          Dott.Vincenzo Falanga

30 Nov 2018

CONVENZIONE

TRA

Il sindacato U.I.L. F.P.L.  del Lario , con sede in Como, via Torriani n. 27/29 – , rappresentato dal Dott. Vincenzo Falanga, quale Segretario Responsabile pro tempore ;

&

DOTT. SALVATORE BARCA

Medico-Chirurgo

Specialista in Pediatria

Gastroenterologia e Nutrizione Pediatrica

Certificato AMFPC - Approccio Metabolico Funzionale in Pratica Clinica

Studio: Piazza del Tricolore 5, Como-Albate

Riceve su appuntamento

Cell 338 607 19 23

 

CONVENGONO E STIPULANO QUANTO SEGUE

Tutti gli iscritti alla UIL F.P.L. del Lario, presentando la propria tessera d'iscrizione al sindacato avranno diritto a:

uno sconto del 20% (parcella E 75) SU TUTTE le prestazioni eseguite dal professionista, in particolare:

  1. Visita pediatrica (richiesta per qualsiasi motivo di salute percepito come urgente)
  2. Bilancio di salute (visita filtro)
  3. Controllo della crescita in età evolutiva e monitoraggio della stessa nel neonato
  4. Svezzamento e nutrizione pediatrica
  5. Trattamento dei disturbi del respiro

L’Area di specializzazione è la gastroenterologica pediatrica (reflusso/rigurgito gastroesofageo, patologie dello stomaco (gastriti), CELIACHIA E GLUTEN SENSITIVITY, ALLERGIE ALIMENTARI, dolori addominali, stitichezza), per tale prestazione la parcella è pari a E 100.

29 Nov 2018

Con la sentenza n. 213/2018, la Consulta ha dichiarato non fondata la questione di costituzionalità sulla norma che disciplina il passaggio dei dipendenti pubblici assunti dopo il 2001 dal trattamento di fine servizio a quello di fine rapporto.

Come noto, la nostra Organizzazione Sindacale nel 2010 aveva avviato la procedura vertenziale al fine di dissipare i dubbi applicativi in merito all'articolo 26, comma 19, della legge 448/1998, che, disciplinando il passaggio dal TFS al TFR, impone ai dipendenti pubblici assunti dopo il 31 dicembre 2000 la riduzione della retribuzione lorda, nella misura del 2,5% sull'80% dello stipendio, al lordo di tutte le trattenute.

Si era costituito il Governo insistendo per l'infondatezza della domanda e affermando che la decurtazione della retribuzione dei dipendenti in regime di Tfr sarebbe stato l'unico strumento atto a garantire l'invarianza della retribuzione tra i dipendenti assunti prima e quelli assunti dopo il 31/12/2000 da una parte, mentre dall'altra avrebbe scongiurato nuovi e pesanti oneri a carico del bilancio dello Stato.

Senza decurtazione, infatti, si sarebbe determinato un aumento della retribuzione lorda e della retribuzione netta a tutto vantaggio dei dipendenti in TFR, producendosi così una disparità di trattamento economico fra dipendenti aventi la stessa retribuzione complessiva.

La Consulta con la sentenza 213/2018 ha deliberato che l'articolo 26, comma 19 riguarda il personale che è sin dall'origine assoggettato al regime del Tfr, pertanto, la riduzione del 2,5% risponde all'esigenza di apportare gli adeguamenti della struttura retributiva e contributiva del personale che transita al regime del TFR, così da salvaguardare l'invarianza della retribuzione netta.

A tal fine, vogliamo evidenziare che la circostanza stessa che la questione sia giunta fino alla Corte Costituzionale è segno certo che si trattava di una controversia problematica dal punto di vista giuridico e applicativo. Tutto ciò confermato anche dagli altalenanti giudizi dei tribunali della nostra Penisola.

A questo punto, è del tutto evidente che, dopo la sentenza della Corte Costituzionale, non avrebbe più senso continuare a promuovere ricorsi, o proporre impugnazioni, poiché, i lavoratori potrebbero essere esposti al rischio di sopportare inutili spese degli ulteriori giudizi.

È perciò nostro avviso che non debbano essere proposti appelli o impugnazioni avverso le sentenze sfavorevoli; mentre, nei giudizi in corso, procederemo in seguito alla sopravvenuta decisione della Corte Costituzionale al chiusura delle liti al fine di non gravare il costo della vertenzialità.

Anche se a nostro avviso permangono dubbi rispetto alla decisione assunta prendiamo atto del giudizio della Consulta, rimane la soddisfazione di aver aperto un dibattito giuridico sulla vicenda i cui dubbi sono stati sciolti solo dopo 8 anni dall’avvio.

SCARICA LA SENTENZA

 

Como, 29 novembre 2018

                                                                                                          Il Segretario Generale della UIL FPL del Lario

                                                                                                                      Vincenzo Falanga

27 Nov 2018

 

Le OO.SS. e la RSU constatano che dal mese di Marzo 2018, e non fa eccezione l’ultimo incontro del 16 novembre u.s., nulla o quasi è stato affrontato o risolto dalla Direzione Strategica alle molteplici tematiche più volte evidenziate.

Le Lavoratrici e i Lavoratori della ASST Lariana di Como, attendono risposte e soluzioni oramai storicizzate che fanno parte della consuetudine Lariana.

Alle nostre rivendicazioni come si è cercato di risolvere i problemi?

Così:

  • Esternalizzazione del Personale OSS Medicina 1, Radiologia PS, trasporti interni;
  • Esternalizzazione sale Blocco Operatorio, e Recovery Room;
  • Mancato concorso OSS da tre anni;
  • Trasferimenti di Personale da Cantù a San Fermo, dall’oggi al domani per la grave carenza organica;
  • Mancato riconoscimento ai sensi di Legge nr. Paziente/Infermiere in Dialisi;
  • Sospensione della fruizione “a ore” per i possessori della Legge 104/92;
  • Posticipazione di due mesi del pagamento delle attività aggiuntive;
  • Sospensione dei permessi sulla fruizione della “malattia programmata”;
  • Disapplicazione dell’accordo sindacale per il riconoscimento delle progressioni economiche orizzontali per il Personale;
  • Ritardi nell’avvio dei tavoli tecnici e sospensioni del tavolo tecnico già in essere del blocco operatorio in risposta alle problematiche organizzative attuali;
  • Mancato riconoscimento delle ore di malattia sul turno programmato di sabato.

Però di contro la Direzione bada bene ad indire per “pochi intimi”, l’indizione a tempo indeterminato   di  concorsi ad hoc per dirigenti amministrativi!

Queste sono alcune delle criticità più volte lamentate ai tavoli istituzionali, rimane a tutt’oggi molta delusione se pensiamo che questa Azienda gestisce oltre 2600 Dipendenti.

A nulla sono valse le nostre richieste, come il rispetto della sicurezza per i Cittadini e i Lavoratori.

La rigidità più volte evidenziata alla Direzione ad opera degli uffici giuridici sta di fatto creando una “diaspora” del Personale sia sanitario sia Medico. 

Infatti, stiamo pagando la formazione alla vicina Svizzera e al Privato convenzionato dei nostri Professionisti.  Chi la paga tutta questa perdita di know how?

Se, il datore di lavoro non migliora le condizioni lavorative dei propri Operatori come pretende di essere competitivo sul territorio provinciale?

Purtroppo, le mancanze di questa organizzazione interna così com’è non tiene più

Le Lavoratrici e i Lavoratori della ASST Lariana di Como dicono basta.

È ora di cambiare rotta! Non ci sono politiche di assunzione, solo atti per scongiurare le emergenze. Ma quando investirete più sulla valorizzazione degli Uomini e le Donne della nostra Azienda?

La RSU e le OO.SS. al fine di risolvere le criticità inevase e oramai “stabilizzate” da questa Direzione, rappresenteranno dinanzi a Sua Eccellenza il Prefetto di Como le preoccupazioni e le carenze organizzative della ASST Lariana.

Nel frattempo, organizzeremo assemblee generali su tutti i presidi e il territorio allo scopo di procedere alla dichiarazione dello sciopero generale.

Vogliamo rispetto e pretendiamo rispetto per chi, giorno dopo giorno con l’altissimo senso del dovere si adopera con la propria professionalità all’assistenza della Cittadinanza comasca! 

Scarica il verbale di conciliazione

 

27 Nov 2018

Vedi i contenuti della convenzione :

 

Cessione del quinto

offerte su conti correnti

Rinegoziazione mutuo prima casa

Finanziamenti

 

Scarica la convenzione

20 Nov 2018

Oggetto: dell’attivazione della procedura di raffreddamento e conciliazione previsti dalla legge n. 146/1990 e s.m.i.,

            Ill.mo Sig. Prefetto,

La Scrivente Rsu congiuntamente alle OO.SS. di CGIL FP – CISL FP – UIL FPL, NURSING UP, FSI, FSI – USAE, Nursind di Como, procede all’attivazione della procedura di cui all’oggetto, le motivazioni che ci portano all’attivazione di quanto sopra indicato, sono in riferimento a quanto riportato nel comunicato stampa che si allega alla presente.

Ulteriori motivi a supporto della nostra richiesta saranno comunque forniti nel corso della convocazione delle parti.

Con l’occasione si porgono Distinti Saluti.

 

Comunicato Stampa

                              

                                                                                                                   Il Coordinatore RSU    Massimo Coppia

 

 

09 Nov 2018

 

Nei prossimi giorni procederemo alla calendarizzazione delle giornate in cui procederemo alla raccolta firme.