Displaying items by tag: como

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili per migliorare la vostra esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Learn more

I understand
TRATTAMENTO DATI PERSONALI   GDPR 679/2016 - – Per quanto concerne il trattamento dei dati personali il sottoscritto dichiara:

  • di conoscere lo Statuto UIL FPL, di accettarlo integralmente e rispettare i singoli articoli in ogni punto.
  • di conoscere le polizze assicurative con le specifiche condizioni, presenti sul sito www.uilfpl.it
  • di aver preso visione della informativa sulla Privacy fornita presente sul sito www.uilfpl.it.
  • di fornire il consenso al trattamento dei dati personali da parte del Sindacato ai sensi dell’ex art 13 D.Lgs n.196/2003 e del GDPR 679/2016 per il conseguimento e la realizzazione delle attività istituzionali ai fini degli adempimenti degli obblighi contrattuali, assicurativi, legali e fiscali di cui alle norme in vigore.
  • di concedere il consenso all’uso dei dati personali al sindacato ai sensi dell’ex art 13 D.Lgs n.196/2003 e del GDPR 679/2016 per la realizzazione di iniziative di profilazione e di comunicazione diretta (tramite mail, messaggistica, posta ordinaria, newsletter, ecc.) per il conseguimento e la realizzazione delle finalità istituzionali del Sindacato.
03
Jul

Presidio Asili nido del Comune di Como - 6 Luglio 2020 - ore 20

COMUNICATO STAMPA
PRESIDIO CONTRO LA PRIVATIZZAZIONE
DEGLI ASILI NIDO COMUNALI


Il giorno 06/07/2020 nella seduta del consiglio comunale si discuterà l’ordine del giorno relativo
alle modifiche del regolamento comunale degli asili nido.
Il sistema educativo pedagogico comunale, rivolto alla prima infanzia, fu una felice intuizione del
sindaco Antonio Spallino, e da allora moltissimi bambini e bambine oggi diventate/i adulti sono
cresciuti con un servizio fondamentale, anche di supporto alle famiglie.
La variazione del regolamento citato prevede una modifica sostanziale: la possibilità di affidare la
gestione del servizio ad un soggetto esterno. Il nuovo regolamento interviene alterando la natura
stessa del servizio. A tutela della tenuta dei centri comunali per la prima infanzia, nell’ottica del
mantenimento dei nove asili in gestione diretta, abbiamo deciso di organizzare una presenza nella
data di convocazione del Consiglio Comunale in cui verranno poste in votazione le integrazioni al
regolamento.
Questi alcuni dei motivi del nostro dissenso:
-La gestione indiretta porterà ad una disparità di trattamento tra operatori (con conseguente
dumping contrattuale).
-Nella gestione indiretta soggetti terzi esterni all’amministrazione assumeranno le decisioni,con
evidenti risvolti sulla qualità del servizio erogato, che non sarà più quello attuale, ricco di
professionalità, competenze ed eccellenze costruite nel corso del tempo.
-La privatizzazione di alcuni nidi comporterà una modalità organizzativa diversa all’interno di un
unico servizio, con una promiscuità pubblico/privato ingestibile.
Ricordiamo che già nel 2018 sono stati esternalizzati parte dei servizi di ristorazione scolastica con
evidenti effetti sulle condizioni di lavoro del personale, questa modifica pone le basi per una futura
esternalizzazione che abbiamo il dovere di fermare prima che sia troppo tardi.
Al fine di proteggere il patrimonio pubblico degli asili nido di Como, chiediamo al personale, alle
famiglie e a semplici cittadini di partecipare all’iniziativa.

Chiediamo visto lo stato d’emergenza in atto di partecipare nel rispetto del distanziamento tra le
persone e dell’utilizzo delle mascherine anche all’aperto.
L’appuntamento è per le ore 20.00 di lunedì 06/07/2020 presso l’ingresso di palazzo Cernezzi
(lato viale Lecco).
f.to Le segreterie CGIL CISL UIL
FP CGIL CISL FPL UIL FPL
la Coordinatrice RSU CGIL del Comune di Como

26
Jun

Servizi Sociali Comune di Como - Comunicato stampa

Le segreterie della Funzione Pubblica di CGIL CISL e UIL denunciano la situazione del Comune di Como in particolare rispetto al settore servizi sociali.

E' arrivata la notizia in questi giorni che il Dirigente dei Servizi Sociali dal 1/7/2020 è stato autorizzato ad un “comando presso altro ente”, con la naturale conseguenza di lasciare i servizi sociali e non solo “scoperti” e senza un Dirigente di riferimento.

Ad oggi nessuna comunicazione è stata fatta al personale ed alle OO. SS./RSU in merito alla sostituzione e questo avviene in un periodo in cui il settore è maggiormente caricato di procedure e deve dare risposte rapide e puntuali alla cittadinanza anche a fronte delle incombenze e sussidi riconosciuti dalla normativa da COVID - 19.

L'emergenza per molti cittadini non è terminata e la presenza di un Dirigente esperto nel Settore è assolutamente necessaria e di primaria importanza, per questo, chiediamo all'Amministrazione di individuare una figura che abbia conoscenze e competenze specifiche e che sia in grado di garantire un servizio di qualità.

Chiediamo inoltre all'Assessore di riferimento di assumersi la responsabilità della sostituzione dell'Avv. Ragadali e che questa diventi la priorità su cui lavorare mettendo in atto tutte le azioni possibili affinché il Settore non versi nell’incertezza.

Anche altri settori si sono visti assegnare Dirigenti a scavalco poi diventati definitivi.

Ed inoltre, in considerazione del fatto che altri Dirigenti nel corso degli anni non sono stati sostituiti a seguito di trasferimento o pensionamenti chiediamo all'Amministrazione una condivisione del percorso di riorganizzazione interna e l’avvio immediato delle procedure per il reperimento di un Dirigente con le caratteristiche adeguate alla gestione del Settore.

F.to Le Segreterie           FP CGIL          CISL FP                           UIL FPL

                    Alessandra Ghirotti         Gesuele Bellini                 Vincenzo Falanga

19
Jun

“NON SI FACCIA L’ENNESIMO ERRORE STRATEGICO SUL FUTURO DEGLI ASILI NIDO”

Abbiamo appreso della volontà varata in III Commissione del Comune di Como di autorizzare alla gestione indiretta (e quindi esterna) dei servizi alla prima infanzia della nostra realtà comunale.

È chiaro che un cambio al regolamento comunale degli asili nido in questa fase straordinaria che stiamo attraversando poteva essere evitato in Commissione e dovrà essere evitato in Consiglio Comunale.

Il comune di Como ha l’obbligo di adottare anche un percorso di confronto con le Organizzazioni Sindacali e se questo confronto non si aprirà, riassumeremo tutte le iniziative contrattuali e di rivendicazione per esprimere le nostre posizioni.

Riteniamo che lo smembramento dei servizi comunali sia un danno per l’intera comunità locale oltre alla poca valorizzazione del personale e delle professionalità coinvolte.

Probabilmente l’emergenza in corso non ha dato gli insegnamenti auspicati, infatti, siamo dell’opinione che proprio grazie ai servizi pubblici fino ad oggi sono state mantenute le tutele minime alle famiglie senza pregiudicare l’operatività dei servizi.

Proprio per questo, siamo sconcertati nel prendere visione di questo indirizzo della III Commissione ed auspichiamo nell’intervento dell’intero Consiglio Comunale per evitare ulteriori smembramenti.

A nostro avviso dunque dovrà essere immediatamente convocato un tavolo di confronto con tutti gli interlocutori per chiarire su quale prospettiva saranno sviluppati i servizi comunali alla prima infanzia perché è impensabile commettere l’ennesimo errore strategico sul futuro dei servizi degli asili nido della nostra Città

 

Scarica documento

Vincenzo Falanga

SEGRETARIO GENERALE UIL FPL del Lario (Como –Lecco)

Via Torriani n. 27 – 22100 Como

e-mail : This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

cell. 320.81.60.615

 

17
Jun

SANITA' PRIVATA RINNOVATO IL CONTRATTO DI LAVORO - SLIDE SINTESI IPOTESI CCNL

SCARICA LE SLIDE

 

CONTRATTI: UIL-FPL, CGIL-FP E CISL-FP, SIGLATA PREINTESA RINNOVO SANITA' PRIVATA
Risultato atteso da 14 anni, interessati circa 100 mila lavoratori per un aumento medio mensile di 154 euro. Raggiunto obiettivo: parità di diritti e di salario tra settore pubblico e settore privato

Roma, 10 giugno - Siglata la preintesa per il rinnovo del contratto della Sanità Privata Aris Aiop 2016-2018. Al termine di una lunghissima e complicata trattativa, Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl con Aiop (Associazione italiana ospedalità privata) e Aris (Associazione religiosa istituti socio-sanitari) hanno sottoscritto la preintesa per il rinnovo di un contratto, quello della Sanità Privata, atteso da 14 anni e che interessa circa 100 mila lavoratrici e lavoratori, raggiungendo un incremento medio mensile pari a 154 euro.

“Dopo una lunga e travagliata trattativa - affermano Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl - abbiamo raggiunto un accordo che recepisce l’obiettivo al quale da sempre abbiamo mirato, ovvero che ad uno stesso lavoro, che sia nel settore pubblico o nel settore privato, debbano corrispondere stesso salario e stessi diritti. Possiamo dire con questo accordo di aver dato seguito a questo principio, riconoscendo così alle lavoratrici e ai lavoratori della Sanità Privata una dignità da tanto, troppo tempo, negata”. Il contratto riguarda, ricordano i sindacati, “lavoratrici e lavoratori impegnati nella Sanità Privata che attendevano il rinnovo del contratto scaduto nel 2006 e che, peraltro, sono stati in prima linea nell’emergenza Covid19, pagandone spesso un prezzo altissimo”.

Nel dettaglio la preintesa, che sul fronte salariale stabilisce un incremento pari al 4,21%, per un valore medio mensile di 154 euro (categoria D), e un’una tantum di 1.000 euro per tutti i lavoratori erogata in due tranche, amplia la sfera dei diritti, prevedendo l’allargamento e la piena esigibilità dei permessi retribuiti, fra i quali il diritto a 12 ore annue per viste mediche ed esami diagnostici; malattia, separando il comporto di quest’ultima da quello dell’infortunio, escludendo dal comporto i giorni per le terapie salvavita e i giorni successivi di assenza dal lavoro dovuti agli effetti collaterali; ferie, garantendo almeno 15 giorni di calendario consecutivi dal 15 giugno al 15 settembre; formazione, con la costituzione di un fondo a carico delle aziende per la formazione e l’aggiornamento professionale, garantendo l’acquisizione dei crediti Ecm; orario di lavoro, garantiti14 minuti di tempi di vestizione compresi nell’orario; riposo giornaliero, con la previsione di 11 ore di riposo consecutive senza deroghe, la prestazione massima dell’orario giornaliero non può superare le 12 ore, introdotto un articolo sull’orario di lavoro flessibile; diritti, con l’introduzione delle ferie solidali per i lavoratori in situazioni di difficoltà personale; relazioni sindacali, potenziando la contrattazione aziendale, l’informazione e l’introduzione del confronto con le organizzazioni sindacali; stop aggressioni, inserendo per la prima volta in un contratto nazionale un articolo specifico che affronta il contrasto alle aggressione al personale; occupazione, con una clausola di stabilizzazione per i lavoratori a tempo determinato per contrastare il lavoro precario; rappresentanza, con più ruolo alle delegate e ai delegati, sia Rls che Rsu.

“Ora parte la consultazione delle lavoratrici e lavoratori sulla preintesa che restituisce a migliaia di lavoratori il diritto al Contratto, nel rispetto di un principio guida: stesso lavoro, stessi diritti, stesso contratto. Per quanto riguarda il rinnovo del contratto Rsa, atteso invece da 8 anni, nel corso della trattativa è stato deciso dalle parti di dare il via al confronto per il rinnovo il prossimo 13 luglio. Grazie alle lotte dei lavoratori, compresa la mobilitazione di queste settimane in preparazione dello sciopero, che visto l’esito verrà revocato, si è potuti arrivare a questo storico risultato: firmare il contratto della Sanità Privata e riaprire la trattativa del contratto delle Rsa”, concludono Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl.

Scarica la documentazione

12
Jun

TEST SIEROLOGICO E TAMPONE - INDICAZIONI SU COME GESTIRE I GIORNI DI ASSENZA DAL LAVORO

TEST SIEROLOGICO E TAMPONE

COME COMPRIRE I GIORNI DI ASSENZA

INDICAZIONI AI LAVORATORI

Continuano a pervenire alla nostra Segreteria Territoriale indicazioni in merito alla giustificazione delle assenze dal lavoro per coloro che hanno effettuato esame sierologico per il Covid 19 e sono risultati positivi allo stesso.

Ad oggi infatti, in ragione della positività al test occorre obbligatoriamente effettuare il tampone per il rientro al lavoro del dipendente, nell’ottica di verificare la negativizzazione del soggetto.

Considerato che il tampone non è immediato al test occorre capire come comportarsi per i giorni intercorrenti tra la positività del sierologico e l’esito del tampone.

Al momento tale lasso di tempo non è tutelato da alcun provvedimento normativo e pertanto nel caso in cui il proprio medico curante non proceda a giustificazione per malattia, occorre certificare, per non incorrere in sanzioni disciplinari, i giorni di assenza dal lavoro con istituti del contratto di riferimento (ferie, congedi, permessi ecc. ecc. – cassa integrazione/Fis/ammortizzatori sociali ove previsti). Stessa latenza normativa purtroppo esiste, per il lavoratore che, a seguito di tampone positivo ed è asintomatico dovrà ricorrere agli istituti contrattuali di cui sopra, nel caso di mancata certificazione del medico curante.

Tale paradosso è stato segnalato nelle sedi competenti dalla nostra Organizzazione Sindacale, al fine di porre rimedio alla latenza normativa ad oggi esistente.

In questa logica ed in attesa di novità a riguardo, invitiamo le lavoratrici e i lavoratori ad effettuare la massima attenzione alla tematica rappresentata.

Si ricorda inoltre che, il datore di lavoro potrà consentire l'ingresso al lavoratore in quarantena con sorveglianza attiva solo ad avvenuta negativizzazione.

A differenza della positività da test sierologico l'assenza del lavoratore per il quale è stata accertata la positività al virus mediante il tampone sarà qualificata come periodo di quarantena solo se sintomatico, ai sensi dell'articolo 26, comma 1 del Dl 17 marzo 2020, n. 18 e s.m.i. .

Per ogni chiarimento la nostra Segreteria rimane a disposizione. 

Cordiali Saluti.

SCARICA LA NOTA

                                                                                           Il Segretario Generale della UIL FPL del Lario

                                                                                                               Vincenzo Falanga

 

11
Jun

Servizio Esterno e Ordine pubblico - non incompatibile e riconosciuto alla Polizia Locale

 

La questione del cumulo tra indennità di ordine pubblico, corrisposta al personale della polizia locale, impegnata nei servizi di emergenza epidemiologica Covi-19, coordinata sulla base delle indicazioni della questura, e l’indennità dei servizi esterni è giunta all’esame della magistratura contabile.

La Corte dei conti del Veneto (deliberazione n. 96/2020), infatti, nel silenzio di una soluzione dell’ARAN, ha risolto il problema precisando come la correlazione tra indennità di ordine pubblico e quella dei servizi esterni non possono essere considerate sovrapponibili rispetto alle indicazioni contrattuali, avendo queste ultime fatto riferimento alla non cumulabilità con le sole indennità delle condizioni di lavoro, rinvenibili nell’art.70-bis del CCNL 21/05/2018.

Pertanto, sussistendone le condizioni, le indennità di cui 56 quinquies, comma 2, lett. d), del CCNL 2018 “Funzioni locali” possono essere erogate anche in presenza della remunerazione delle indennità di ordine pubblico pagate dalle prefetture, trattandosi queste ultime di indennità speciali erogate da “soggetti terzi”.

 

 

 

 

11
Jun

SANITA' PRIVATA RINNOVATO IL CONTRATTO DI LAVORO - SLIDE SINTESI IPOTESI CCNL

SCARICA LE SLIDE

 

CONTRATTI: UIL-FPL, CGIL-FP E CISL-FP, SIGLATA PREINTESA RINNOVO SANITA' PRIVATA
Risultato atteso da 14 anni, interessati circa 100 mila lavoratori per un aumento medio mensile di 154 euro. Raggiunto obiettivo: parità di diritti e di salario tra settore pubblico e settore privato

Roma, 10 giugno - Siglata la preintesa per il rinnovo del contratto della Sanità Privata Aris Aiop 2016-2018. Al termine di una lunghissima e complicata trattativa, Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl con Aiop (Associazione italiana ospedalità privata) e Aris (Associazione religiosa istituti socio-sanitari) hanno sottoscritto la preintesa per il rinnovo di un contratto, quello della Sanità Privata, atteso da 14 anni e che interessa circa 100 mila lavoratrici e lavoratori, raggiungendo un incremento medio mensile pari a 154 euro.

“Dopo una lunga e travagliata trattativa - affermano Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl - abbiamo raggiunto un accordo che recepisce l’obiettivo al quale da sempre abbiamo mirato, ovvero che ad uno stesso lavoro, che sia nel settore pubblico o nel settore privato, debbano corrispondere stesso salario e stessi diritti. Possiamo dire con questo accordo di aver dato seguito a questo principio, riconoscendo così alle lavoratrici e ai lavoratori della Sanità Privata una dignità da tanto, troppo tempo, negata”. Il contratto riguarda, ricordano i sindacati, “lavoratrici e lavoratori impegnati nella Sanità Privata che attendevano il rinnovo del contratto scaduto nel 2006 e che, peraltro, sono stati in prima linea nell’emergenza Covid19, pagandone spesso un prezzo altissimo”.

Nel dettaglio la preintesa, che sul fronte salariale stabilisce un incremento pari al 4,21%, per un valore medio mensile di 154 euro (categoria D), e un’una tantum di 1.000 euro per tutti i lavoratori erogata in due tranche, amplia la sfera dei diritti, prevedendo l’allargamento e la piena esigibilità dei permessi retribuiti, fra i quali il diritto a 12 ore annue per viste mediche ed esami diagnostici; malattia, separando il comporto di quest’ultima da quello dell’infortunio, escludendo dal comporto i giorni per le terapie salvavita e i giorni successivi di assenza dal lavoro dovuti agli effetti collaterali; ferie, garantendo almeno 15 giorni di calendario consecutivi dal 15 giugno al 15 settembre; formazione, con la costituzione di un fondo a carico delle aziende per la formazione e l’aggiornamento professionale, garantendo l’acquisizione dei crediti Ecm; orario di lavoro, garantiti14 minuti di tempi di vestizione compresi nell’orario; riposo giornaliero, con la previsione di 11 ore di riposo consecutive senza deroghe, la prestazione massima dell’orario giornaliero non può superare le 12 ore, introdotto un articolo sull’orario di lavoro flessibile; diritti, con l’introduzione delle ferie solidali per i lavoratori in situazioni di difficoltà personale; relazioni sindacali, potenziando la contrattazione aziendale, l’informazione e l’introduzione del confronto con le organizzazioni sindacali; stop aggressioni, inserendo per la prima volta in un contratto nazionale un articolo specifico che affronta il contrasto alle aggressione al personale; occupazione, con una clausola di stabilizzazione per i lavoratori a tempo determinato per contrastare il lavoro precario; rappresentanza, con più ruolo alle delegate e ai delegati, sia Rls che Rsu.

“Ora parte la consultazione delle lavoratrici e lavoratori sulla preintesa che restituisce a migliaia di lavoratori il diritto al Contratto, nel rispetto di un principio guida: stesso lavoro, stessi diritti, stesso contratto. Per quanto riguarda il rinnovo del contratto Rsa, atteso invece da 8 anni, nel corso della trattativa è stato deciso dalle parti di dare il via al confronto per il rinnovo il prossimo 13 luglio. Grazie alle lotte dei lavoratori, compresa la mobilitazione di queste settimane in preparazione dello sciopero, che visto l’esito verrà revocato, si è potuti arrivare a questo storico risultato: firmare il contratto della Sanità Privata e riaprire la trattativa del contratto delle Rsa”, concludono Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl.

Scarica la documentazione

27
May

Dirigenza Medica accordo RAR 2020 e progetti COVID 19 Regione Lombardia

Le organizzazioni sindacali della Dirigenza Medica, Sanitaria, Veterinaria, Professionale, Tecnica e
Amministrativa del Servizio Sanitario Regionale hanno nella nottata di oggi raggiunto l’intesa sulle risorse
aggiuntive previste per l’emergenza COVID-19.
Presupposto di questo accordo e prioritario per le prossime settimane è l’impegno delle parti a proseguire il
confronto, mediante incontri con cadenza ravvicinata, il primo dei quali è previsto per il 4 giugno, sui
seguenti punti:

Misure di sorveglianza sanitaria e di sicurezza dei lavoratori, in correlazione con le diverse fasi della
pandemia COVID in atto. In particolare si punta a uniformare il più possibile il comportamento delle
aziende;
applicazione degli artt. 1 e 2 del DL 34/2020 (cd Decreto Rilancio) sul rafforzamento dell’assistenza
territoriale e sul riordino della rete ospedaliera, chiesti da anni e indispensabili per arginare il contagio
COVID e assicurare le cure necessarie alla cittadinanza che non accede ai presidi ospedalieri;
gestione del rapporto di lavoro, in considerazione dell’attuale assetto normativo e del diritto del
lavoratore al recupero psico-fisico ed alla conciliazione dei tempi lavoro-famiglia: fruizione di ferie e
permessi, accesso al lavoro agile, eventuale riposo compensativo per operatori impegnati nel trattamento
di pazienti COVID in picco pandemico;
remunerazione di prestazioni aggiuntive rese nella fase emergenziale e da svolgere per il
progressivo recupero delle prestazioni ordinarie sanitarie e non;
applicazione dell’art. 6 del CCNL 2016-2018 Area Sanità “Confronto regionale” come premessa alla
costruzione di corrette relazioni sindacali finalizzate ad una fattiva collaborazione tra le parti;
monitoraggio di accordi incentivanti e loro integrazione in presenza di nuove opportunità
legislative.

L’accordo economico, raggiunto con lo sforzo e il lavoro di entrambe le parti, non può essere disgiunto dal
confronto sui temi annunciati. Come sindacati crediamo di aver fatto sino in fondo il nostro lavoro, 

riconoscendo ai colleghi un premio globale di circa 55 milioni di euro compresi oneri contributivi e fiscali
secondo. Gli accordi siglati sono:
1. Risorse Aggiuntive Regionali per un totale di 24 milioni (fascia unica 1000 euro pro capite
più 173 euro per chi svolge turni notturni)
2. Risorse del Cura Italia per circa 10 milioni a remunerare le condizioni disagiate di lavoro
(turni notturni e festivi e reperibilità)
3. Risorse stanziate da Regione Lombardia per un totale di circa 22 milioni di euro come

premio per il lavoro durante l’emergenza pandemica secondo le seguenti fasce:

DESCRIZIONE FASCE

FASCIA

 

PREMIALITA’

Unità di degenza Covid con assistenza ventilatoria Invasiva, PS e 118, attività con prevalente presenza di aerosol (es. bronco, EGDS)

A1

1.730,00

Unità di degenza Covid con prevalente attività di assistenza ventilatoria non invasiva (es. reparti Covid con CPAP)

A2

1.425,00 €

Unità di degenza COVID (sia confermati che sospetti) che non necessitano di assistenza respiratoria, area MAC per pazienti oncologici/ematologi

B

1.275,00 €

Personale a contatto con utenza territoriale/domiciliare, Unità di degenza NO COVID, Aree ambulatoriali, attività amministrative in presenza

C

875,00 €

Smart Working

D

375,00 €

 
 

Scarica Volantino Sintetico

Comunicato unitario

26
May

Siglato accordo RAR 2020 e progetti COVID 19 per il personale sanitario di Regione Lombardia

 

Siglati in Regione Lombardia gli accordi regionali di valorizzazione del personale

Risorse disponibili per tutto il personale di comparto delle Aziende ed Enti del SSR

•Finanziamento dello stato     31.496.406

•Finanziamento Regionale L. 9   60.000.000

•Risorse RAR   76.000.000

•Totale risorse  167.496.406

 

Scarica Volantino Sintetico

Slide

25
May

HAI ANCORA DUBBI SUI PERMESSI DEL "DECRETO RILANCIO"? VIENI AL NOSTRO CORSO ON LINE

hai ancora dubbi sull'utilizzo dei permessi del "Decreto Rilancio"? Guardiamo insieme come si utilizzano congedi straordinari, permessi legge 104/92, lavoro agile ed altro

 

VUOI PARTECIPARE?

SCARICA SUL TUO PC ZOOM MEETINGS

 

 

Massimo 50 partecipanti - corso riservato agli iscritti UIL FPL DEL LARIO

 

Scarica la locandina

+39 031.273295
lario@uilfpl.it
Via Torriani n. 27 - 2100 - Como
Close